Biancaneve e i due nanetti - Anonima GR @ Teatro Forma, Bari [dal 7 su 22 ottobre]

Biancaneve e i due nanetti - Anonima GR


520
7 - 22
ottobre
21:00 - 21:00

 Pagina di evento
Teatro Forma
Via Fanelli 206/1, 70125 Bari
Compie trent’anni lo spettacolo “Biancaneve e i due nanetti”, scritto da Dante Marmone e realizzato dall’ Anonima GR

Dal 7 al 22 ottobre, ogni sabato e domenica, torna a Bari al Teatro Forma lo spettacolo “Biancaneve e i due nanetti” dell’Anonima GR, con Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli, Mimmo Pesole. Testo e regia di Dante Marmone.

Biancaneve è un’ironica rilettura della famosa favola dei fratelli Grimm, destinata ad un pubblico adulto ma amata anche molto dai ragazzini. Solo tre attori in scena che vestono i panni di tutti i personaggi della storia, in una girandola di continue trasformazioni.

Il linguaggio è un italiano baresizzato, con gergo attualizzato dei ragazzi di quest’epoca, che dà alla favola una forte impronta metropolitana.

ORARI SPETTACOLO

Sabato 7-14-21 ottobre
Ore 20:00. Apertura
Ore 21:00. Inizio spettacolo

Domenica 8-15-22 ottobre
Ore 18:00. Apertura
Ore 19:00. Inizio spettacolo

BIGLIETTI

€ 18.00 Poltronissima
€ 15.00 Poltrona

Bookingshow ► bit.ly/AnonimaGRBiancaneve2Nanetti
Biglietteria Teatro Forma
tel.080-5018161/ ore 10:00 – 18:00

SINOSSI DELLO SPETTACOLO

Biancaneve non è certo la fanciulla dolce e timida che tutti conosciamo, ma al contrario è una donna disincantata e smaliziata, che deve difendersi dalla sua matrigna che la vorrebbe morta. Lo specchio vivente è terrorizzato dalla regina che lo minaccia continuamente di ridurlo in mille pezzi se non le conferma, ogni volta, di essere sempre lei la più bella del reame. Dei sette nani solo due sono sopravvissuti, per giunta deformati dall’inquinamento e da varie mutazioni genetiche, e ridotti a uomini di altezza normale.

E ancora la strega, che altri non è che la regina, dopo una trasformazione in scena. Infine il Principe azzurro, un tipo alquanto tonto, tanto che alla fine è inconsapevole artefice di un colpo di scena.

Nelle favole, si sa, alla fine vince sempre il bene. Ma da che parte sta il bene? Dalla parte di Biancaneve, bella e corteggiata, o della matrigna, brutta, nevrotica e perfida?
Dipende dalle angolazioni.

IL TRENTENNALE DELLO SPETTACOLO

La prima rappresentazione, risale a luglio del 1987, di fronte ad una enorme platea di giovani, al Renoir Club, luogo di incontro d’eccellenza tra gli anni ‘80/’90, animato dai giovanissimi Cesare Veronico e Maurizio Laurentaci, che scritturarono l’Anonima G. R. per tutta l’estate, con l’impegno di presentare un nuovo spettacolo ogni 15 giorni, cosa estremamente impegnativa sotto l’aspetto creativo, ma che pur sottoponendo gli attori e autori dell’Anonima ad uno stress notevole, li spronava alla ricerca di idee e nuove forme spettacolari. Infatti in quella estate furono realizzati cinque nuovi spettacoli tra i quali, appunto, “Biancaneve e i due nanetti”, che già al suo esordio ebbe un successo straordinario.

Lungi da essere una banale parodia, al contrario con questo testo, Dante Marmone, trova l’occasione, di utilizzare la favola dei fratelli Grimm per affrontare tematiche scottanti, a partire dall’inquinamento ambientale, causato dagli Orchi (metafora sugli uomini senza scrupoli) avvezzi a scaricare rifiuti di ogni genere nei boschi: scorie radioattive, fusti di diossina, scarti della lavorazione del petrolio ed altri inquinanti, infestando il bosco e facendo ammalare i sette nani che lo abitano. Infatti, cinque di loro finiscono in ospedale in fin di vita, mentre i due superstiti subiscono una terribile mutazione genetica con uno sviluppo fisico che li rende alti, quindi deformi per il loro standard di nani.

Per il realismo presente nello spettacolo, nelle repliche che seguirono, fu mal visto dai benpensanti, ma molto apprezzato dal pubblico soprattutto giovanile che si sentiva coinvolto dalle problematiche che questo spettacolo evidenziava.
“Biancaneve e i due nanetti” è lo spettacolo più rappresentato in assoluto tra tutti gli allestimenti teatrali dell’Anonima G. R., che pur vanta notevoli record con le sue varie produzioni.

Oltre che in Puglia lo spettacolo ha girato in tutta Italia, da Cremona a Catania, da Torino a Napoli, dallo Zelig di Milano, a Roma, al Teatro Parioli prima e al teatro Colosseo poi, con un mese di repliche giornaliere.

Tante sono le generazioni che in questi trent’anni hanno applaudito “Biancaneve e i due nanetti” e che continuano ad applaudire ancora oggi, visto che questo spettacolo non invecchia, perché le problematiche denunciate sono rimaste, purtroppo immutate, ma anche perché nelle repliche che si susseguono nel contempo il testo si arricchisce di nuove idee e spunti satirici.
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi prossimi @ Teatro Forma:

Maria Gadù in Guelã Live
Teatro Forma
Ephemerals in Egg Tooth
Teatro Forma
Cory Henry & The Funk Apostles in The Funk Crusade Tour
Teatro Forma
Peter Cincotti
Teatro Forma
Peter Cincotti in Long Way From Home
Teatro Forma
Enzo Avitabile in Acoustic World
Teatro Forma
Danilo Rea e Peppe Servillo in Napoli e Jazz
Teatro Forma
Musica Nuda in Leggera
Teatro Forma
Myles Sanko
Teatro Forma

Eventi più atteso in Bari :

SpaccaNapoli e Luminarie di Salerno 19 Novembre - By BE20
Belforte E20
Nina Zilli live a Modugno // Modern Art Tour
Demodè Club
OctoBeer BariFest!
Eataly
Luminarie di Salerno 2017
Viàtius Tour
Reggia di Caserta - Visita Guidata
Viàtius Tour
Monet in mostra a Roma - Bus da Bari con visita guidata
Viàtius Tour
Le parole note / Giancarlo Giannini @AncheCinema
Anche Cinema
Ex-Otago • Demodè Club • Modugno (BA)
Demodè Club
24 dicembre a Torre Quetta
Torre Quetta BEACH